Sovranità Digitale: cosa significa e perché i governi considerano i dati e le tecnologie digitali infrastrutture strategiche

5 min

Chiamatela geopolitica delle tecnologie digitali o consapevolezza di dover partecipare alla competizione in corso per la leadership tecnologica tra Stati Uniti e Cina. Fatto sta che la Commissione Europea sta rivedendo le sue politiche sull’importanza strategica delle tecnologie e dei dati digitali. Scopriamo insieme come.

La visione della Commissione Europea

Sono diverse le svolte della Commissione Europea sull’importanza dei dati e delle tecnologie digitali. La Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, in occasione dello Stato dell’Unione Europea (SOTEU) 2022, ha annunciato una spinta per creare un nuovo fondo per la sovranità europea: “Spingerò per creare un nuovo fondo per la sovranità europea. Assicuriamoci che il futuro dell’industria sia fatto in Europa“. La spinta si concentra, tra gli altri punti, sul digitale e sui dati come elementi di attenzione strategica insieme a cybersecurity, cloud, edge, ecc. Per ulteriori informazioni, leggere “Un fondo di sovranità europeo per un’industria made in Europe“.

Anche il commissario per il mercato interno Thierry Breton ha delineato tre pilastri inseparabili per la sovranità digitale: potenza di calcolo, controllo sui dati e connettività sicura.

Anche la presidenza francese ha annunciato la conferenza Building Europe’s Digital Sovereignty per fare il punto sui recenti progressi nel continente, avviare discussioni e creare slancio per continuare a costruire la sovranità digitale dell’Europa e mostrare come l’Unione Europea possa prendere in mano il proprio destino nell’era digitale. Il tutto per difendere i propri valori e interessi economici e garantire la propria autonomia.
Se questo non significa pensare a qualcosa di strategico, ditemi cosa può essere.

Cos’è la Sovranità Digitale e come cambierà la nostra vita?

Fa tutto parte della Strategia Digitale, a cui la Commissione sta lavorando da tempo. L’iniziativa del Decennio Digitale dell’Europa punta al 2030 come anno in cui dovrebbe concretizzarsi una visione della società digitale incentrata sull’uomo e sostenibile, in grado di dare potere ai cittadini e alle imprese.

Un altro elemento fondamentale della strategia è il desiderio di ridurre il ritardo tecnologico tra gli Stati Uniti e la Cina, in quanto è forte la consapevolezza che non riusciamo a massimizzare il nostro potenziale nella leadership digitale. Con migliaia di esperti, denaro e capacità, siamo sempre in ritardo rispetto ad altre nazioni che dominano la scena.

La necessità di elevare il livello di attenzione alla sicurezza informatica a livello strategico è un altro tassello del puzzle che può essere affrontato solo con competenze specifiche e sviluppando un mercato interno all’altezza dei nostri concorrenti.

L’incombente era post-digitale

A mio avviso, c’è anche un elemento significativo: l’arrivo dell’era post-digitale. Mi spiego meglio.

Nell’ultimo decennio, abbiamo utilizzato il digitale come una gradita innovazione per cambiare il modo in cui ci relazioniamo con gli altri, conduciamo gli affari e ci colleghiamo alle istituzioni. La pervasività di Internet, l’emergere dei social media, i diversi modi di ricevere informazioni e tante altre abitudini sono state modificate da questa innovazione.

Ma il digitale sta diventando abituale, consueto; ci stiamo abituando come abbiamo fatto nel tempo con l’elettricità e l’acqua del rubinetto: lo usiamo quotidianamente, ma non ci accorgiamo più della sua presenza. Ne subiamo solo l’eventuale assenza, ad esempio per problemi tecnici.

Quando non ci accorgeremo più della presenza del digitale, ma ne subiremo l’assenza, potremo dire di essere entrati nell’era post-digitale. Un’era in cui i cambiamenti sociali, culturali ed economici che stiamo assaporando oggi diventeranno il nostro pane quotidiano.

La necessità di comprendere la Sovranità Digitale

Al di là delle motivazioni istituzionali e delle visioni future, come tecnico ho bisogno di immergermi nei dettagli di ciò che intendiamo per sovranità digitale. Solo alla fine dell’articolo faremo delle considerazioni generali sull’insieme.

Cominciamo subito col dividere la sovranità digitale in due aree principali:

  • Sovranità sui dati
  • Sovranità sulle tecnologie

La crescente importanza dei dati come istruzioni per l’IA

A parte i problemi di privacy dei dati personali, dobbiamo iniziare a considerare i dati come elementi cardine del processo decisionale degli algoritmi software che invadono le nostre vite di cittadini. Nel corso del tempo, i dati da semplici aspetti di memorizzazione delle informazioni sono diventati istruzioni per gli algoritmi afferenti al paradigma dell’Intelligenza Artificiale, che li utilizza per imparare a svolgere le proprie funzioni.

A differenza dei software tradizionali – codificati per eseguire una sequenza di istruzioni in modo deterministico – l’Intelligenza Artificiale è programmata per imparare a eseguire operazioni sulla base di un precedente addestramento con i dati, in gergo: il dataset di addestramento.

Quindi, i dati non sono più solo informazioni intelligibili per gli esseri umani, ma diventano istruzioni per il software che dominerà l’era post-digitale. Questo è già sufficiente per determinare azioni di protezione come parte del patrimonio tecnologico del prossimo futuro.

La centralità del cloud come potenziale punto di debolezza

Un altro elemento che solleva ulteriori problemi di controllo dei dati è la proliferazione del cloud computing. Creando un account sui social media o iscrivendosi a una newsletter, conferiamo i nostri dati, che verranno memorizzati sulla piattaforma. Nella maggior parte dei casi, l’archiviazione si riferisce a un’infrastruttura cloud.

Spesso le macchine non sono installate nello stesso Paese in cui risiede l’utente, ma in un centro dati geograficamente distante. Questo crea la condizione per cui i nostri dati non sono più gestiti nel nostro territorio ma in una regione straniera, con conseguenze allarmanti in caso di gravi eventi geopolitici come, ad esempio, una guerra o la rottura di alleanze geopolitiche.

Se osserviamo da vicino il problema, notiamo anche come il trasferimento di set di dati per l’addestramento degli algoritmi di IA ad altre nazioni fornisca loro un vantaggio competitivo che dovremmo conservare. Ad esempio, un’azienda che raccoglie dati di produzione – per ottimizzare la produzione e migliorare l’efficienza per aumentare la competitività – potrebbe vedersi soffiare questi vantaggi se il Paese in cui risiede l’infrastruttura cloud emette una normativa sulla protezione dei dati a favore delle aziende residenti.


Nell'imminente era post-digitale, il concetto di sovranità digitale diventerà sempre più comune e consentirà di applicare regole ai dati e alle tecnologie. Share on X

La necessità di regolamentare il DOVE – CHI – COME

Diventa quindi cruciale considerare DOVE vengono conservati i dati, CHI può accedervi e COME attraverso un’adeguata regolamentazione. Ciò significa proteggere il patrimonio futuro del Paese, che non è più costituito solo da linee elettriche, ferrovie, condutture idriche, ecc. ma anche dai dati con le infrastrutture annesse, che diventano sempre più strategiche per un Paese.

Esercitare la sovranità sui dati non significa limitare il progresso condiviso, ma regolare bene un fenomeno che, se non gestito, potrebbe diventare incontrollabile. Questo sta già accadendo: secondo una ricerca del World Economic Forum, il 92% dei dati provenienti dall’Occidente è ospitato negli Stati Uniti.

Il binomio con la sovranità tecnologica

Ancora una volta, secondo una ricerca precedente, nessuna azienda europea figura tra i primi 20 marchi tecnologici globali. Questo non significa che in Europa non possiamo innovare, sviluppare nuovi brevetti o gestire le radici della tecnologia. Significa solo che non lo facciamo come dovrebbe essere fatto. Questo perché non esercitiamo la giusta dose di sovranità sulle tecnologie esponenziali, che danno vantaggi alla competitività del sistema economico in generale.
Ecco allora che dovremmo cominciare a chiederci:

  • DOVE viene progettata, implementata e resa resiliente la tecnologia?
  • CHI ha progettato, sviluppato e gestisce la tecnologia?
  • COME la tecnologia può essere riservata o imposta per legge?

Perché ci sono cose, come la cybersicurezza, che non possono essere lasciate ad altri nel loro avanzamento come tecnologie strategiche.

Il nostro destino digitale è legato anche al controllo della tecnologia

La capacità di controllare e determinare il nostro futuro digitale dipende da come implementiamo la sovranità digitale: dati + tecnologia.

Un controllo eccessivo affidato a un numero troppo ristretto di nazioni potrebbe rivelarsi un boomerang in futuro. La limitata capacità di scelta nel mercato della tecnologia digitale potrebbe generare dipendenza, come è accaduto negli ultimi mesi con il gas a causa della guerra in Ucraina.

Le alleanze geopolitiche e la collaborazione globale sono elementi indispensabili per una politica di crescita internazionale sana e inclusiva, ma non dobbiamo mai dimenticare il loro rovescio della medaglia.
Conservare una certa autonomia in settori che cambiano la nostra società, la nostra economia e le nostre istituzioni è una buona idea e non mette in discussione le alleanze geopolitiche. Tuttavia, ci permetterebbe di salvaguardare la nostra indipendenza tecnologica per le generazioni presenti e future.

Iscriviti alla nostra newsletter